home In Evidenza, News Energia elettrica in Piemonte: risparmio e innovazione

Energia elettrica in Piemonte: risparmio e innovazione

Il Piemonte parte da una situazione in ambito energetico piuttosto avvantaggiata rispetto ad altre regioni italiane, proprio per la sua naturale propensione ad accogliere tutti gli aspetti innovativi che il settore è in grado di proporre.

Non a caso la Regione Piemonte può oggi guardare al futuro con un certo ottimismo grazie all’attuazione di politiche energetiche di valore e assolutamente innovative.

Produzione energia elettrica 

Il Piemonte innanzitutto ha una produzione elettrica da rinnovabile superiore alla media italiana,  con una predominanza netta del comparto idroelettrico, non solo, altri dati positivi  caratterizzano la situazione energetica piemontese come la forte dipendenza di tutta la Regione dal gas metano (crescente nel breve periodo)

Le caratteristiche del sistema energetico Piemontese sono in generale molto simili a quelle italiane:

  • I consumi energetici sono in netto aumento grazie al proliferare di offerte energia elettrica dedicate ad abitazioni e uffici.
  • La produzione elettrica in Piemonte è comunque inferiore ai consumi (-32%).
  • La dipendenza dal gas naturale è in netta crescita (attualmente circa il 60%).
  • “Esagerata” in parte la dipendenza da approvvigionamenti esteri (92% per i prodotti petroliferi e addirittura il 99% per il gas naturale).
  • Emissioni di CO2 specifiche inferiori alla media italiana

Tuttavia anche le problematiche sono analoghe: emissioni climalteranti in costante crescita, vulnerabilità eccessiva nella politica degli approvvigionamenti energetici, scarsa competitività a livello internazionale sulle fonti energetiche rinnovabili e su quanto riguarda l’efficienza energetica

Secondo le ultime direttive UE è proprio una strategia basata sulla sostenibilità l’aspetto fondamentale per far risaltare competitività e sicurezza attraverso politiche energetiche di livello, compatibili con le esigenze di una Regione come il Piemonte che a livello industriale nel panorama italiano ha un ruolo di assoluta importanza.

Competitività e sicurezza si traducono facilmente in un impatto ambientale pulito ed ecologico, oltre che in occasioni di risparmio, sia per quanto riguarda le bollette del gas che per quanto concerne quelle della luce, una possibilità di risparmio che andrà a ricadere sui consumatori, sugli esercenti e su eventuali investitori.

Strumenti Regione Piemonte per attuare al meglio le direttive comunitarie: normativa, bandi e incentivi

La legge regionale 13/2007, che recepisce la direttiva 2002/91/CE, introduce la certificazione energetica degli edifici, riformulando le procedure di controllo, predisponendo inoltre manovre di verifica sul rendimento energetico degli impianti termici oltre che a quelli di condizionamento estivo.

La disposizione normativa è dunque in grado di fissare alcuni obblighi sull’introduzione di impianti solari termici e su quanto concerne l’installazione di sistemi centralizzati per la produzione del calore.

Sono stati infatti istituiti bandi in Regione di un certo rilievo negli ultimi anni per stimolare un certo tipo di innovazione nel comparto energia elettrica. Da un lato il bando diretto alla concessione di un contributo in conto interesse per l’incentivazione di interventi in materia di risparmio energetico e riduzione delle emissioni in atmosfera (isolamento termico, caldaie ad alta efficienza, pannelli solari); dall’altro il bando di finanziamento per progetti dimostrativi (celle a combustibile, pompe di calore, edifici a basso consumo e biogas da zootecnia)

Non mancano gli strumenti a sostegno. Su tutti il Programma Operativo Regionale co-finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (F.E.S.R. 2017-2013) e il Contratto di insediamento, con le finalità di attrazione di impresa e di investimento, fungere da strumento di accordo/unione e sinergia tra i soggetti a vario titolo “competenti” o interessati, semplificare e accelerare le procedure. garantire il rispetto dei tempi autorizzativi e degli impegni sostanziali e offrire sostegno agli investimenti privati.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *