home Senza categoria, Tecnologia Rete 5G: la reattività tecnologica dell’Italia secondo il Readiness Index

Rete 5G: la reattività tecnologica dell’Italia secondo il Readiness Index

Il Readiness Index, l’indicatore chiave che misura come i paesi affrontino l’era digitale, ha stilato una classifica sul tema 5G. Dalla ricerca elaborata da inCites Consulting su 38 Paesi è emerso che l’Italia ha ancora molta strada da fare per rafforzare il suo livello di digitalizzazione rispetto alle altre economie mondiali.

Sul tema 5G si è tenuto conto di 6 parametri principali: Infrastrutture e Tecnologia, Regolamentazione e Politica, Scenario dell’Innovazione,Capitale Umano, Profilo del Paese e Domanda.

L’Italia si piazza complessivamente al 21esimo posto in classifica, al di sotto di Germania, Francia e Regno Unito. Il 4 posto lo troviamo solamente alla voce Infrastrutture e Tecnologie ed è l’unico paramentro nel quale l’Italia è al di sopra del 20esimo posto. Alle categorie Scenario dell’Innovazione, Capitale Umano, Profilo del Paese e Domanda, l’Italia si piazza fra il 21esimo e il 25esimo posto.

Se è vero che il 4 posto lo si deve all’asta 5G avvenuta con largo anticipo, rispetto a molti altri Paesi e al numero di progetti pilota finora portati avanti, è altrettanto vero che nonostante la spinta degli operatori, il contesto macroeconomico italiano è ancora debole, unito a un anemico scenario sul fronte dell’innovazione.

Va tuttavia ricordato che Torino con Tim è stata la pioniera italiana del 5G portandolo nelle vie centrali della città già nel 2018. Lo sforzo è stato quello di considerare la tecnologia e l’innovazione non solo come elemento attrattivo per le imprese bensì come strumento per rendere la città più vivibile e fruibile dai cittadini.

Attualmente il dibattito è incentrato su quanto il 5G possa essere potenzialmente pericoloso per la salute. La tecnologia può di fatto essere nociva perchè si basa su microonde a frequenze più elevate delle precedenti versioni, dette anche onde millimetriche.

Il Consiglio Regionale del Piemonte sta riflettendo sulla questione 5G affrontandola congiuntamente con le Commissioni di Sanità e Ambiente.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *