home Tecnologia A Torino apre le porte Area42 nei laboratori di Reply

A Torino apre le porte Area42 nei laboratori di Reply

Negli spazi ristrutturati della Palazzina Lingotto apre le porte Area42, centro di ricerca applicata per soluzioni di robotica, smart mobility, blockchain, realtà aumentata e virtuale.

La sede è quella della Palazzina Lingotto di via Nizza, recentemente acquisita da Gruppo Reply e oggetto di un importante progetto di ristrutturazione. “La nascita di Area42 si inserisce in un progetto più ampio di eccellenza in termini di riqualificazione immobiliare che abbiamo avviato qui a Torino”, ha spiegato Tatiana Rizzante, amministratore delegato di Reply.


Appena inaugurato, lo spazio di Area42 apre le sue porte ai clienti di Reply, che potranno osservare e testare tecnologie per poi sviluppare e incubare, insieme al system integrator, soluzioni da adattare al proprio specifico contesto d’uso.  Come ha affermato Filippo Rizzante, chief technology officer di Reply, i laboratori di Area42 rappresentano un unicum nel panorama moderno, in quanto offrono la possibilità di dare vita a nuovi concept e applicare le ultime tecnologie per fornire soluzioni in grado di creare valore per il business e la società.  In Area42 è possibile sperimentare e rendere reali idee innovative che hanno un impatto strategico e generano un vantaggio competitivo per i nostri clienti.

All’interno dei laboratori, nello spazio battezzato “Autonomous Warehouse”, si studieranno e svilupperanno soluzioni per la gestione autonoma delle attività di magazzino, come droni e veicoli autonomi in grado di interfacciarsi con la piattaforma software di gestione della logistica e interlogistica. Altro laboratorio presente è “Last mile delivery”, dedicato allo sviluppo di soluzioni capaci di integrare e gestire la mobilità di veicoli e robot a guida autonoma all’interno di spazi predefiniti, come campus, ospedali e fabbriche.

L’area offrirà numerosi spazi per studiare soluzioni di intelligenza artificiale e robotica combinata, la sperimentazione di tecnologie di blockchain in ambito di smart city e smart mobility e, in particolare, per la gestione della ‘’indennità digitale’’ dei veicoli. Sarà possibile, inoltre, sperimentare soluzioni di realtà virtuale e mista per rendere concreto il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.